Le strade di Fred Herzog

Fred Herzog è un fotografo tedesco noto principalmente per le sue foto di strada di Vancouver, in Canada. Ha lavorato professionalmente come fotografo medico. E’ cresciuto a Stoccarda, ma è stato evacuato dalla città durante il bombardamento aereo della Seconda Guerra Mondiale. Dopo che i suoi genitori sono morti, durante la guerra (di tifo e  cancro), ha abbandonato la scuola e ha trovato lavoro come marinaio sulle navi.
Il suo lavoro si concentra principalmente sull’ordinario, la gente, la classe operaia e le loro connessioni con la città intorno a loro. Ha lavorato principalmente con pellicola per diapositive (per lo più Kodachrome), ciò ha limitato la sua capacità di esporre e lo ha anche emarginato un po’ come artista, negli anni 1950 e ’60, quando la maggior parte dei lavori esposti era in bianco e nero. Tuttavia, egli è stato sempre più riconosciuto negli ultimi decenni. Il suo lavoro è apparso in numerosi libri e gallerie, tra cui la Galleria d’Arte di Vancouver.

ritratto di Fred Herzog

Due brevi documenti filmati su Herzog:

Questo invece è un interessantissimo documentario sulle varie forme di arte, consigliato, a 11.23 c’è la parte su Herzog:

Visita il sito di Fred Herzog.

About these ads

2 thoughts on “Le strade di Fred Herzog

  1. Ecco, una gestione e visione della luce che io trovo meravigliosa.La stavo paragonando a quella delle foto dei fotografi emergenti che ho visto ieri e sinceramente, a parte due o tre di loro, interamente, e qualche foto isolata di altri, proprio non c’è paragone, voglio dire che io una luce come questa di Herzog non l’ho vista. Si tratta di stili diversi (pittorico/documentario?) dell’impiego di mezzi diversi (analogico/digitale?) sono cambiati i gusti del pubblico e/o della pubblicità (intesa come gusto dei committenti)?… mi aiuti a capire?Grazie.

  2. La ricerca della luce giusta è un aarte e un dono, cosi come Herzog dice nel secondo documentario del post “la fotografia è il dono di vedere cose che gli altri non vedono”, piu o meno, ci vuole anche fortuna, “la luce giusta” capita a tutti, bisogna saperla vedere e essere li in quel momento. Oggi il modo di fotografare è cambiato radicalmente, torniamo a casa con centinaia o migliaia di immagini tra le quali scegliere, nonostante cio’ raramente scopriamo di avere un immagine che “spacca”. Forse non abbiamo avuto abbastanza pazienza o occhio. Forse non dovremmo affidarci solo alla postproduzione.
    Forse dovremmo andare fuori con una schedina della fotocamera capace di contenere 36 scatti, e farcela bastare.

Dimmi cosa ne pensi

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s