iPhone Photography Awards

02-JOSELUISBARCIA09-LIFESTYLE

iPhone Photography Awards™ (IPPAWARDS) is the first and the longest running iPhone photography competition since 2007. IPPAWARDS has been celebrating the creativity of the iPhone users since the first iPhone has inspired, excited and engaged the users worldwide. Since then every year, IPPAWARDS has selected the best shots among thousands of images submitted by iPhone photographers from 70+ countries around the world. Winners are selected by the jury members in several steps and The Photographer of the Year prize awarded. Visit the site to dicover the authors and more pictures.

iPhoneography by mutablend

mutablend19

How many times have you heard, “It’s not what you have but how you use it”? Well, mysterious Japanese iPhoneographer Mutablend is proof that a camera is only as good as the person behind it. Enjoy these amazing photographs, shot and edited on an iPhone.

L’iPhone e la guerra

Le parole iPhone e guerra nella stessa frase hanno un che di anacronistico. Il fotoreporter Ben Lowy è stato in Libia per un incarico di 3 settimane, viaggiando tra la roccaforte ribelle di Bengasi per varie città in prima linea come Ajdabiya, Brega, Ras Lanuf e Bin Jawad. Oltre che fotografare con la sua reflex ha scattato delle immagini sul suo iPhone inviandole direttamente al suo blog. Abituati come siamo, a vedere le foto fatte con gli iPhone, super effettate, di fiori e bambini che giocano, quelle di Lowy ci raccontano invece un mondo dove la realtà sembra uscita dalla sceneggiatura di un film.

Visita il sito di Ben Lowy.

Fette di Vita

E’ difficile credere che le foto di Greg Schmigel siano state realizzate con un iPhone. Schmigel riesce a vedere cose che per la maggior parte di noi passerebbero inosservate, non è per niente facile leggere la storia di una persona incisa sul suo volto e cogliere quel momento prima che sia troppo tardi. Una delle sue citazioni più interessanti dice: “E tutto vero, sono fette di vita reale così come la vediamo, e molto spesso sono fette della vita che manca a noi.».

Visita il sito di Greg Schmigel.